domenica 27 gennaio 2013

Stinco alla germanica




Ingredienti x 2 persone: 1 stinco (non di quelli precotti eh), un rametto di rosmarino, 3 foglie di salvia, 2 di alloro, 5 o 6 bacche di ginepro, sale e pepe, olio extravergine d'oliva, due tazze di brodo vegetale fatto in casa, 4 cipolle bianche.





Riscaldare il forno a 200°C.
Fare un battuto di  tutte le erbe aggiungendo il sale e il pepe, cospargere di olio lo stinco su carta argentata e massaggiarlo con le erbe per farle aderire bene.
Chiudere la stagnola ed infornare per circa 1h e mezzo. (dipende dalla grandezza dello stinco)
Nel frattempo tagliate le cipolle a fettine sottili e fatele cuocere a fuoco basso con un po' d'olio e un po' d acqua. Devono cuocere bene fino quasi a disfarsi.


                                      


Abbassare la temperatura del forno a 180°C.
Togliere dalla stagnola, aggiungere olio ed un paio di mestoli di brodo vegetale (in alternativa potete metterci il vino bianco). Cuocere fino a che la carne non si stacchi dall'osso, ci vorrà circa un' altra ora e mezza. Se vedete che si asciuga troppo aggiungere altro brodo vegetale.


Quando è cotto, toglierlo dalla teglia e posizionarlo in un piatto da portata. Mettere la teglia, con tutto il sughino che contiene, sopra al fornello del gas, aggiungere un po' di farina e mescolare per formare la crema. Prendere le cipolle ormai cotte, aggiungerle nella teglia e mescolando far cuocere altri 5 minuti. Quando il sugo è pronto metterlo nel patto da portata accanto allo stinco.







giovedì 24 gennaio 2013

Maltagliati disegnati con calamari e carciofi



Questa ricetta nasce dall'unione di più spunti presi in giro. 
Stasera volevo fare i maltagliati col gorgonzola e i carciofi, come avevo già fatto. Poi frugando nel freezer ho scoperto di avere ancora due calamari della patagonia avanzati e congelati.. Girando per la rete ho notato diverse ricette che abbinavano i carciofi ai moscardini o ai totani e mi sono detta: staranno bene anche con i calamari..e così è stato. L'idea di "ricamare" i maltagliati l' ho presa invece da un noto programma tv che l'aveva fatto col basilico; chiaramente il basilico nella mia ricetta non stava bene, ho usato quindi il prezzemolo.
E' un'idea molto carina quella di ricamare così la pasta, lo si può fare con diverse erbette anche se, chiaramente, più la forma della foglia è caratteristica, più bella verrà la pasta.

Ingredienti per i maltagliati x 2 persone: qualche fogliolina di prezzemolo, 1 uovo, 100g di farina 00.

Ingredienti per il condimento: 2 calamari, 2 carciofi, un goccio di latte, sale, olio extravergine d'oliva.

I maltagliati:
Impastare la farina e l'uovo e formare una pallina. Stendere la pasta GRADUALMENTE con la nonna papera facendola sempre più sottile. 

Appoggiare le foglioline di prezzemolo su metà sfoglia e sovrapporre la pasta senza foglioline, ripassare quindi con la nonna papera per "incastonare" il prezzemolo all'interno della sfoglia.
Tagliare con la rotellina.





Per il condimento: Pulire i calamari togliendo tutto l'interno del sacco e gli occhi. Togliere anche la pellicola scura che vi sta sopra. Tagliarli a pezzettini.




Pulire i carciofi e tagliarli finemente.




Far soffriggere un battuto di scalogno e prezzemolo in olio extra vergine d'oliva. Aggiungere i carciofi un po' d'acqua e farli cuocere finchè non sono praticamente pronti.




Aggiungere i calamari ed eventualmente una goccia di latte se il sugo fosse troppo asciutto. Cuocere pochissimo (circa 5 minuti o anche meno, altrimenti diventano duri).

Lessare la pasta, aggiungendo al momento in cui la si butta, un goccio d'olio nell'acqua di cottura per non fare attaccare i maltagliati tra di loro.

Scolarli e farli saltare nel condimento.



lunedì 21 gennaio 2013

Muffin svuotafrigo





Oggi ho letto sulla bacheca facebook di un'amica che stava per fare i muffin salati... Era un po' di tempo che ci pensavo, così sono andata in cucina, ho aperto il frigo e ho tirato fuori un po' di avanzi.
Questi sono dunque muffin un po' arrangiati, fatti con ingredienti di fortuna ma che comunque sono venuti molto bene. Si prestano facilmente a molte varianti, io ho usato il salame e formaggi misti che avevo, ma sono ottimi in tanti altri modi. (La mia amica su Fb ad esempio li stava facendo con peperoni e formaggio).

Ingredienti: 1 uovo sbattuto, 120 g di farina, 100 ml di latte, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, lievito per torte salate mezza bustina, saleme a cubetti, due sottilette a cubetti, un pezzettino di gorgonzola sempre a cubetti, Due cucchiai di parmigiano grattato, un cucchiaino di sale. (Chiaramente io ho usato questo formaggio perchè avevo questo ma potete usarne anche altri tipi).


Mettere i liquidi (olio e latte) in un contenitore e la farina, il lievito e l'uovo sbattuto in un altro.
Unire in un unico contenitore e amalgamare, salare e successivamente aggiungere il formaggio (compreso il parmigiano) e il salame.



 Riempire per 2/3 i pirottini con l'impasto ed infornare a 160°C per 25 minuti circa.






Game of thrones: Torta cipolle e formaggio


"Moon Boy mounted his stilts and strode around the tables in pursuit of Lord Tyrell's ludicrously fat fool Butterbumps, and the lords and ladies sampled roast herons and cheese-and-onion pies" - A storm of swords.

Questa è  una particolare torta, nella quale il basilico e la frutta ne sono i protagonisti. L'uvetta è una piacevole e dolce sorpresa da assaporare ad ogni boccone. La torta è deliziosa da sola ma è ottima anche per accompagnare ogni sorta di carne arrostita.

"Tart in ymbre day. Take and pboile oynons psse out þ wat & hewe he smale. Take brede & bray it i a mort, and temp it up w ayren. Do þto butt, safron and salt, & raisons corans, & a litel sug with powdo douce, and bake it i a trap, & sue it forth." - The forme of cury, 14th century.

Ingredienti per 4 persone: 1 panetto d'impasto medievale crudo, 3/4 cipolle tritate grossolanamente, 1 rametto ogni porzione di timo e basilico, 1/4 di tazza di uva sultanina, 2 cucchiai di farina, 1 tazza del vostro formaggio preferito (purchè sia cremoso), 4 uova, 1 cucchiaio di burro fuso, 1 pizzico di zafferano, mezzo cucchiaino di Poudre  Douce.

Per il Poudre douce vedere quì
Scaldare il forno a 180°C.
Stendere la pasta, metterla in una teglia imburrata.
Far sbollentare le cipolle insieme alle erbe per 5 minuti circa e scolarle. Strizzare le erbe e tritarle. Infarinare l'uvetta, questo farà sì che non si attacchi infondo alla torta. 
Mescolare le cipolle, le erbe, il formaggio, le uova sbattute, lo zafferano, il sale e la Poudre Douce in un contenitore. Riempire la torta con questo impasto. 
Cuocere per 40/45 minuti fino a che la pasta non diventa dorata, togliere dal forno e servirla calda.


Serata medievale il banchetto:


Pollo al miele



 La tavolata



 Pere "cotte" allo sciroppo di vino e cannella..(a breve la ricetta sul blog perchè sono buonissime)




domenica 13 gennaio 2013

Gattò (briaò) prosciutto e fontal

                       

Ingredienti x2persone: 2 patate rosse (circa 400 g), 30 g parmigiano, 80g fontal, pangrattato, 1 uovo, mezzo bicchiere di latte, 2 fette grandi prosciutto cotto, una noce di burro, sale.


Pelare e lessare le patate (io ho usato la pentola a pressione perchè ci si mette 5 minuti), passarle nel mulinello ed aggiungerci il fontal, il latte, l'uovo sbattuto il burro ed il sale.




In una terrina imburrata e foderata di pan grattato, mettere il primo strato di purè poi aggiungere il prosciutto e il parmigiano. Continuare a fare strati finchè non si finiscono gli ingredienti, l'importante è comunque terminare con il purè.




Ricoprire infine con il pangrattato misto al parmigiano due o tre pezzettini sparsi di burro e infornare a 200° per 20 minuti.








mercoledì 9 gennaio 2013

Stinco alla birra chez "I Cri"



Della serie: Obbliga anche tu i tuoi familiari ad immortalare tutto quello che mangiano.
Trascrivo la ricetta che mi è appena arrivata dalla casa dei Cri, ovvero casa di mio fratello e mia cognata. Spero vi piaccia... è molto facile e moooolto buona!!

Ingredienti: 3 stinchi, Birra (una bottiglia da 0.66), due carote, una cipolla, mix di erbette (timo, finocchietto selvatico, ginepro, timo, rosmarino, sale e pepe).

Fare un soffritto di cipolla e carota direttamente nella teglia che userete per infornare gli stinchi ma facendolo friggere insieme all'olio sul gas.





Speziare gli stinchi e metterli nella teglia. Far cuocere per 10 minuti sempre sul gas.





Versare la birra nella teglia ed infornare a 200° per 10/15 minuti per fare evaporare l'alcool.



Togliere dal forno, ricoprire tutto con la stagnola ed infornare a 160° per 2 ore. (girare gli stinchi passata un ora). 





Togliere la stagnola e rinfornare per altri 10 minuti per far diventare croccanti gli stinchi, inserendo (se l'avete) il programma grill.





Prontiiiii!!!

martedì 8 gennaio 2013

Cioccolatini brandy e caffè








Ok, uno mi si è un po' rotto, però per essere la prima volta che faccio i cioccolatini mi ritengo super iper soddisfatta. Sono bellissimi e buonissimi. 


Ingredienti per 12 cioccolatini: 100 g burro, 100 g di zucchero a velo, 350 ml di cioccolato fondente, un cucchiaio di brandy, 1 cucchiaio di caffè.



Far scaldare  bagnomaria il cioccolato e farlo fondere senza che diventi troppo caldo. Quando è fuso, riempire lo stampino più o meno fino a metà e fare andare il cioccolato sulle pareti dello stampino inclinandolo. Capovolgere su della carta forno e far raffreddare.



Per la crema: amalgamare insieme il burro, lo zucchero, il brandy, il caffè e circa 100ml del cioccolato fuso. Lavorare bene ed inserire in un sac a poche.

Con l'aiuto del sac a poche inserire il ripieno all'interno dei cioccolatini nello stampo, che nel frattempo si sono raffreddati. Coprire tutto infine con il restante cioccolato fuso e appianare con una spatolina. Far freddare 
bene e togliere dagli stampi.














domenica 6 gennaio 2013

Zuppa Ceci e Funghi


Inserisco questa ricetta nella categoria primi piatti ma credetemi, non mangerete altro. Io sto durando fatica a scrivere il post, dovrei andare a portar fuori la spazzatura ma ho paura di rotolare per le scale.
In ogni caso, in queste serate fredde e buie di gennaio ci sta proprio bene, magari procuratevi del Brioschi XD.

Ingredienti: 100g di funghi porcini (io ho usato quelli congelati), passata di pomodoro (circa mezzo bicchiere), un barattolo grande di ceci con la loro acqua, un rametto di rosmarino, mezzo spicchio d'aglio, pane bianco toscano.



Fare un battuto di aglio e rosmarino e farlo soffriggere, aggiungere i funghi che avete precedentemente tagliato in pezzettini di circa mezzo cm. Lasciar cuocere 3 minuti e poi aggiungere la passata di pomodoro.













Frullare metà dei ceci fino ad ottenere una crema. 

Passati 10 minuti da quando avete aggiunto il pomodoro versare in pentola anche i ceci, sia quelli frullati che quelli interi (compresa la loro acqua) e aggiungere altri 3 bicchieri d'acqua.
Salare e far cuocere per circa 40 minuti.




Tagliare due fette di pane a quadratini piuttosto piccoli, riscaldare un filo d' olio in una padella antiaderente e fare abbrustolire il pane girandolo spesso con un cucchiaio di legno, stando attenti a non bruciarlo.












Servire la zuppa insieme ai crostini croccanti.




Con questa ricetta partecipo al contest del blog sale e coccole